La Politica in coro: “Altro che Mafia, la vera piaga sono le liti di condominio!”

da_leggere_mafia_export_smemo_news_lifestyle_full- RIMINI –  La polemica sembra non placarsi. Dopo che i giornali locali, con un tempismo quasi perfetto, hanno riportato le dichiarazioni di quattro mesi fa dell’Assessore Regionale sulla presenza mafiosa in Riviera, il Partito Democratico non si tira indietro e rilancia: “Basta con la mistificazione della stampa locale! Come tutti i lettori dei quotidiani e dei siti locali sanno, la vera piaga della nostra provincia sono le liti di condominio e gli animali selvatici investiti da automobilisti violenti!”.

Nel dibattito si inserisce anche l’opposizione la quale rincara la dose e se la prende con i professionisti dell’antimafia: ” Le classifiche del Sole 24 ore e di Italia Oggi non mentono. La Provincia di Rimini è ultima in Italia per Rapporti cordiali fra vicini di casa e terz’ultima per sicurezza stradale degli animali selvatici. Chi parla di Mafia nella nostra zona lo fa solo per mettersi in mostra e per nascondere il degrado dei rapporti umani fra le persone che abitano nello stesso rione”.

Le Istituzioni, tramite un comunicato stampa, non sottovalutano il problema mafioso ma tengono a precisare: “che la mafia non tiene in considerazione la presenza di milioni di turisti d’estate che inevitabilmente falsano i dati del fenomeno”.

Le Associazioni Animaliste e quelle dei Vegani rilanciano la richiesta di semafori pedonali a chiamata per ranocchi, caprioli, fagiani e procioni che ogni giorno rischiano la vita sulle nostre strade per colpa di automobilisti che guidano ubriachi o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Infine il M5S che non la manda di certo a dire: “Andate tutti a fanculo, nel senso classico del termine”.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>