Piano Strategico, il P.D. di Rimini:”Speriamo che Dio ce la mandi buona”.

- Rimini -  Settimana intensa per la politica e per il centrosinistra riminese. Il sindaco, interpellato sul piano strategico, dichiara: “Lo faremo con i cattolici”. Chiara la strategia: visto che ormai il PD è un conglomerato di storie politiche fallimentari, senza una identità precisa, senza più ideologia e con idee che scarseggiano l’unica è ingraziarsi i cattolici che così intercedono con il loro referente per far filare tutto liscio. Invece la corrente superstiziosa del Pd si sta affidando alla cabala, programmando le riunioni solo in determinati giorni.Si fa più dura per gli atei ma sono in corso contatti con il mago Otelma, l’astrologo Paolo Fox e il mago Silvan che però momentaneamente è fuori per una tournè. A favore della proposta del sindaco gioca anche il successo dell’iniziativa Madonna dell’Acqua che con due preghiere e qualche sermone ha fatto piovere su tutta la Romagna salvandoci dall’emergenza idrica. Sempre per non lasciare nulla di intentato si sono intravisti degli operai che nell’ingresso del Consiglio Comunale stavano posizionando una pila dell’acquasanta da utilizzare prima di ogni seduta. Nello schieramento, poi,  ha tenuto banco la pubblicazione della classifica sul gradimento dei sindaci e dei presidenti della provincia, con i nostri rappresentanti molto indietro nella graduatoria. “Sono classifiche falsate perché non tengono conto della stagione estiva” è il commento unanime. A chi fa notare che in realtà la stagione estiva non c’entra niente, la risposta è pronta: “Ci risulta che anche Gesù non fosse poi così amato dai suoi concittadini”.
Continua, invece, fra le forze di maggioranza e opposizione il confronto sulla laicità. I consiglieri del centro destra, assieme a Zerbini del Pd, hanno presentato una mozione per gridare basta agli aborti a Rimini. Plauso dalla cittadinanza che all’unanimità ha dichiarato: “Sono vent’anni che a Rimini si fanno aborti. Era ora che qualcuno dicesse qualcosa. Ma dico, avete visto il Pala 105? Più aborto di quello cosa c’è??”.
I Verdi di Rimini, invece, continuano nel loro intenso programma per tutelare l’ambiente della nostra provincia. A tal proposito hanno presentato una interpellanza segnalando che i pallini di piombo dei fucili usati nel tiro al piattello finiscono nel Marecchia, essendo la struttura sportiva adiacente all’alveo del fiume, creando dei seri problemi ambientali. E’ allo studio, sempre da parte del movimento ambientalista, se anche il piattello possa essere inquinante e se sia possibile farlo biodegradabile. L’alternativa proposta prevede di usare la cerbottana e realizzare i pallini con lo stucco da vetro. Via libera, invece, per la variante ghetti perché il cemento in campagna non inquina come il pallino di piombo nel Marecchia.
Capitolo Vigile elettronico. Sta prendendo sempre più corpo l’idea di un condono anche perché pare, queste sono le indiscrezioni, che siano apparse delle foto in cui un noto esponente della sinistra riminese viene  ripreso mentre fa le boccacce alla telecamera e, in un fotogramma, addirittura gli rivolge un saluto con il dito medio alzato.
Infine la neonata sezione locale dell’Associazione Umoristi e Comici va giù duro contro la classe dirigente locale:”Basta!! Qui a Rimini i politici ci rubano il lavoro!!
 

One Response to Piano Strategico, il P.D. di Rimini:”Speriamo che Dio ce la mandi buona”.

  1. Al 105 non sono mai stato, ma anche a me hanno detto che è un “aborto”. Fatto con un motore immobiliare, vedi chicchi. la buona notizia che oggi il papa non terrà la sua lezione o preghiera all’Università della Sapienza a Roma (meno male) viva l’anticleraclismo.Ormai tutti quanti siamo alle prese con i cattolici, ma chi è ateo che fine farà?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>