Caruso

Non si può liquidare tutto con la salvifica teoria della “pisciata fuori dal vaso”. Non bastano neanche le rettifiche postume, scontate e superflue: perseverare, infatti, sarebbe stato un inutile accanimento terapeutico. No io credo che abbia detto veramente quello che pensa.  Qui sta il problema. Si potrebbe obiettare, prendendosi la briga di farlo anche per delle  “patacate”, che le morti sul lavoro sono un fenomeno piuttosto antico dell’Italia moderna, se è vero che Dario Fo, negli anni 60 e in piena sindrome da posto fisso, fu estromesso dalla Rai perché ironizzò sui padroni che non tutelavano la sicurezza dei propri dipendenti. Poi ancora che le morti bianche non sono certo ascrivibili a delle norme di flessibilità dei contratti di lavoro ma forse c’entra qualcosa anche la scarsità di controlli che chi guida uno Stato dovrebbe prendersi cura di fare. Non è questo il punto: il problema delle morti bianche, del precariato sono cose maledettamente serie da lasciare in mano a un parlamentare di questo lignaggio. Il punto è che “noi” di sinistra, perché mi ci metto anche io aderente al Partito Democratico, uno così non lo vogliamo. Perché non è “di sinistra” chi usa questo linguaggio, ma appartiene a quel mondo di “anime belle” che si considerano i depositari della purezza e del dogma, che contribuisce ad alimentare quel clima di odio unicamente per far trionfare, come ho detto in qualche post precedente, quell’utopia che in realtà è pura delinquenza. Cacciamolo via: non tanto perché dice delle castronerie (è il succo della democrazia: dire corbellerie in piena libertà) ma perché getta un’ombra su tutto uno schieramento che del rispetto e della tolleranza, del dialogo e del confronto, ne fa un caposaldo del proprio agire politico.

 

One Response to Caruso

  1. Eccomi Giovanni eri preoccupato che non scrivevo più sul tuo blog.

    Su Caruso hai perfettamente ragione, da subito Rifondazione doveva espellerlo dal gruppo anche se al Partito non era iscritto e alcuni dirigenti hanno aspettato troppo nel condannare le cose che ha detto. Per me dovrebbe anche dimettersi da Parlamentare perchè una persona che usa un violenza così (naturalmente a parole) non ha il diritto di rappresentare l’Italia nel Parlamento.
    Sulle morti bianche che ogni giorno capitano, invece avrei qualcosa da dire. Oltre ai controlli che mancono sono anche i vari propietari di aziende e industriali che per questo non succeda più non fanno niente e vorrei anche che Montezemolo invece che lamentarsi sempre dica qualcosa su questo gravissimo problema. Fino a oggi sono 647 persone che sono morte sul posto di lavoro.
    Speriamo che questo governo riesca a essere più intrasigente e “cattivo” chi non rispette le regole sulla sicurezza sul posto di lavoro.
    Sul protocollo sul welfare vorrei spendere qualche parola. Sono da cambiare parecchie cose dalla abolizione della tassazione sul lavoro straordinario alle imprese e ai lavoratori, questo porterebbe solo un aumento di orario di lavoro e non di aumento di occupazione, sono anche da correggere gli incentivi che si danno alle imprese dimenticandosi della ricerca e della innovazione. Sul lavoro a tempo indertiminato c’è ancora molta confusione dovrebbero chiarirlo. La legge Biagi anche per me va abolita nel programma con cui ci siamo presentati questo era un nostro punto fermo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>