“Una testa, un voto”. O, forse, è meglio di no??

Sulle regole la situazione è questa: c’è chi vuole l’Assemblea Costituente completamente eletta nelle primarie, con il principio “una testa un voto”  e c’è, invece, chi vuole delle quote di diritto per i parlamentari, i consiglieri regionali e i sindaci delle grandi città. I più scettici del principio “una testa un voto” dicono: ”se candidiamo un sindaco, un deputato, un consigliere regionale e così via contro un emerito sconosciuto si finirà con quest’ultimo schiacciato dal consenso vasto del primo. Si vanifica, così il tentativo di rinnovamento della classe dirigente del nuovo Partito. Volete mettere la rete di rapporti che ha un pubblico amministratore con uno invece che non lo è???“. Mah!? Non sono molto d’accordo. La regola “una testa un voto” è quella che ci consente di realizzare due obiettivi vitali per il nuovo partito:  da una parte una partecipazione democratica allargata e dall’altra di mettere in gioco nuove classi dirigenti che non ci stanno ad essere cooptate o a piegarsi a giochi vuoi di corrente piuttosto che di appartenenze personali.
Poi, se gli elettori delle primarie, partecipando alle consultazioni, premiano con il voto il sindaco invece del candidato sconosciuto vorrà dire che quel sindaco (o consigliere regionale, deputato, ecc…) è un bravo amministratore e dà fiducia agli iscritti del Partito Democratico. Se  invece prevale  il candidato sconosciuto, o comunque il nome noto non fa un bel risultato? Ecco perché l’obiezione al principio “una testa un voto” non mi convince: perché a farla è soprattutto chi ha molto da rimetterci (vedi, ad esempio, i parlamentari che sono stati nominati dalla segreterie e non eletti dagli elettori).
 

One Response to “Una testa, un voto”. O, forse, è meglio di no??

  1. Caro giovanni il tuo discorso non fa una grinza, anche se vedrai alla fine decideranno per le quote di diritto perchè non si possono permettere che alcune “personalità” non vengano elette. Ti immagini qui a Rimini se alcune persone non venissero “premiate” dagli elettori e non entrassero a far parte dell’assemblea costituente per il nuovo Partito. Non vorrei stare nei tui panni. In bocca al lupo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>